Patanegra

Il Prosciutto Patanegra prende il suo nome dai maiali iberici caratterizzati dal pellame scuro (“negro”) e l’unghia nera che, venendo nutriti di dolci “bellotas”, ghiande scelte e selezionate per loro, con il loro appellativo “patanegra” sono ormai famosi e rinomati non solo nella penisola iberica.
Ma non è solo ai tipici maiali grossi con le gambe sottili che il prosciutto patanegra deve la sua fama: la cura nel procedimento, la scelta delle materie prime (tra cui il sale marino dell’ Andalusia), le norme sulla macellazione e sulla lavorazione, le antiche tradizioni tramandate di generazione in generazione sono alcuni tra gli ingredienti importanti per ottenere un ottimo prosciutto patanegra.

Il prosciutto Patanegra viene prodotto principalmente in due regioni della spagna: l’Andalusia e Huelva.
Quando i maiali patanegra raggiungono, dopo aver mangiato ogni giorno 6-7 chili di bellotas, un peso di almeno 160 kg vengono macellati.
La stagionatura dura 36 mesi e solo al termine di questo periodo il prosciutto viene confezionato per essere venduto intero o affettato manualmente per essere già pronto da gustare. Il prosciutto patanegra presenta un colore rosso porpora, un sapore delicato, deciso e non troppo salato (viene salato rigorosamente con sale dell’andalusia) e un ottimo equilibrio di carne e grasso.

Il prosciutto Patanegra è ottimo se mangiato da solo ma forse ancora meglio accompagnato dai giusti cibi e dalle giuste bevande. In tutto il mondo la sua diffusione è ormai altissima: accompagnato da pane, formaggio o gustato con un’insalata, il prosciutto patanegra è sempre delizioso e prelibato.

condividi

Facebook
Facebook
Google+
https://www.danesin.it/prodotti/salumi/patanegra">
Twitter
Pinterest
RSS
INSTAGRAM